Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

 
   
 
   
 

I miei ricordi
a cura di Bruno Pasut


In una luminosa domenica di maggio del 1914 – giorno 17 per la cronaca – alle ore 9.20 del mattino, una povera donna, sfiancata dalla gravidanza, dai patimenti morali e dalla fame, dà alla luce a Spresiano – paese in provincia di Treviso, prossimo alla riva destra del Piave – nel granaio della casa del maestro elementare Pilla dov'era alloggiata (la casa esiste tuttora ed è vicino alla stazione ferroviaria), un maschietto che, così a prima vista, sembra ben messo e piuttosto paffutello. Si scoprirà ben presto, invece che non di “ciccia” abbondante si tratta ma di un gonfiore generale dovuto alla mancanza di continua ed adeguata alimentazione della madre durante la gestazione ed alle fatiche cui ella si sottoponeva per procurare al primogenito Giuseppe (nato il 14 dicembre 1910) ed a lei stessa di che sfamarsi, almeno in parte, andando saltuariamente a lavorare sui campi dei contadini di sua conoscenza, i quali, impietositi, le davano modo di guadagnare qualche soldo.

Peggior momento il neonato Bruno Ottorino non avrebbe certo potuto scegliere per venire al mondo!


scarica Autobiografia  

 

Storia Testimonianze Foto Eventi News
ringraziamenti crediti